L'evento clou di Milano: Design Week 2013 - Con il Salone del Mobile ed il Fuorisalone la città si attiva dando il meglio di sé Wednesday, April 24, 2013

Come ormai da tradizione, anche quest’anno ho trascorso quasi l’intera settimana dedicata al design a Milano, scoprendo persone, oggetti e idee sempre più innovative, curiose e sorprendenti con lo scorrere delle edizioni.

La Design Week milanese è una delle settimane più frenetiche e allo stesso tempo entusiasmati e piene di scoperte che la città è in grado di offrire: si tiene infatti sia in zona Fiera, in versione più «formale», con il Salone del Mobile, sia in giro per l'intera città con il Fuorisalone, mostrando così una Milano attiva ed attenta al mondo del design.
L'evento ogni anno attira una grande quantità di persone provenienti da ogni parte del pianeta, incrementando anno dopo anno il suo numero di visitatori, composto da persone coinvolte o meno nel mondo del design per questioni lavorative o per semplice curiosità. Durante queste giornate l'intera città dà il meglio di sé, allestendo in alcune zone location appositamente ideate per gli eventi, o mettendo in risalto determinati show room delle aziende presenti sul territorio. Si possono scoprire nuovi e giovani talenti, rivedere famosi pezzi d'arte di marchi noti e scoprire le ultime novità per quel che riguarda l'utilizzo di materiali e forme, colori e texture. Ogni giorno è una sorpresa ed è proprio nei vicoli più nascosti e inaspettati che si trovano la magia e l’arte che più colpiscono il curioso, il giornalista o l'amante del design.
Da quattro anni a questa parte una delle zone più interessanti e popolate durante il periodo del Fuorisalone è Brera, con Brera Design District, alla quale si aggiunge anche la tanto attrattiva e più alternativa Tortona, zona che ospita alcuni tra i brand più importanti e prestigiosi a livello internazionale, diventandone, anche quest’anno, il punto di riferimento. Brera si impegna a offrire a tutti gli interessati percorsi consigliati che non riguardano solo il design, ad esempio Food Tour e visite di botteghe di artigianato italiano presenti nella zona. Il tutto per esaltare l'artigianalità e il design di alto livello, elementi chiave di tutta la Design Week, che attira un pubblico qualificato e molto interessato.
Molta attenzione, durante questa edizione, è stata data alle materie prime come legno e pietra, con un atteggiamento più ecologico e in grado di soddisfare le necessità dell’uomo, non solo materiali ma anche visive. Gli oggetti proposti sono davvero straordinari, capaci di portarci in ambienti sempre diversi, in contrasto con la frenesia ed il continuo bisogno di adattabilità che rendono difficile la scoperta della pace e della calma.
Muovendosi in città si notano nuove interpretazioni di forme che fino ad ora erano date quasi per scontate: nuove geometrie e colori sempre più eccentrici trasformano oggetti molto comuni e a volte anonimi in veri e propri articoli pieni di personalità e sempre più fatti su misura per l’utente. Quasi come un paradosso, nell’era dell’alta tecnologia e in un mondo sempre più virtuale, ampio spazio d’espressione è concesso anche alla carta ed alla stampa.
L’accento è posto sulla caratteristica vincente del Km Zero, per quel che riguarda la provenienza dei materiali, elogiando il vero made in Italy, non solo quello delle grandi aziende ma anche quello dei giovani talenti con tanta voglia di proporsi e mettersi in gioco nel modo più eco possibile.

A riassumere le caratteristiche della Design Week 2013 c’è la campagna «Be Original», proposta dalla rivista Elle Decor a sostegno del design d’autore.